Questo bracciale molto bello è realizzato con strisce di organza, perle e coralli, impreziosito da un fiore centrale in resina. Se ti piace questa realizzazione, segui passo, passo la guida che ti illustrerà come dovrai procedere, con un po' di manualità e ago e filo creerai un bijoux bello ed elegante.

Comincia il lavoro piegando l'organza in tre fili da 70cm. Senza tagliarla, pratica un paio di nodi alla piattina e infila la stessa al centro dell'organza. Con i chiodini pratica delle piccole asole alle perle: i chiodini con il cristallo li riserverai alle perle da 12mm. Inizia la composizione del bracciale inserendo in questo caso una perla da 12mm. platinum, seguita da 2 perle da 8mm. lilla e platinum, ed una da 10mm. lilla.

Occorrente
2,10m. di organza colore violetto
1 fiore di resina con foro passante in tinta
1m. circa di piattina elastica
1 grosso ago
24 chiodini a T
5 perle 12mm. colore platinum
5 perle 12mm. colore lilla
2 perle 10mm. colore platinum
2 perle 10mm. colore lilla
5 perle 8mm. colore platinum
5 perle 8mm. colore lilla
10 chiodini con capocchia in cristallo Silver
1 coral pendant 2 rami da 25mm colore copper
3 cuori da 14mm. con foro passante, 1 colore copper, 1 colore golden shadow

Per dare un po' di arricciatura, infila l'ago da solo senza elementi attraverso l'organza, in seguito infila il cuore, dopo tre arricciature di organza infila il fiore di resina. Inserisci successivamente la perla da 12mm., effettua altre tre arricciature, inserisci il coral pendant e due perle da 8mm. Continua con tre arricciature, una perla da 12mm. lilla e altre tre arricciature.

Prosegui il lavoro fino alla fine dell'organza a tuo piacere, alla fine tira un pochino il filo in modo da aggiustare tutte le arricciature, a questo punto infila una perlina di conteria in vetro in modo che faccia da fermo. Infine congiungi i due capi e pratica due o tre nodi ai fili ed eventualmente copri i nodi con i coprinodi. A questo punto il tuo bracciale in organza è pronto per essere indossato.

Le candele un tempo erano utilizzate come fonte di illuminazione. Oggi solo in alcuni casi le utilizziamo a questo scopo. Più che altro vi sono candele di tipo decorativo, che utilizziamo non solo perchè esse potrebbero tornarci utili, ma anche perchè il loro stile abbellisce il nostro arredamento di casa. Le candele possiamo tranquillamente realizzarle in casa, quindi dare un tocco personale, seguendo pochi accorgimenti. Seguendo questa guida potrai farlo anche tu.

Prendi delle vecchie candele (semplicissime e sicuramente poco decorative) e tagliale a piccoli pezzi, conservando gli stoppini che andrai a riutilizzare. Allo stesso tempo, tagli a pezzi anche dei pastelli a cera,che userai per colorare la cera come meglio preferisci. Se non hai vecchie candele acquista nelle colorerie della paraffina.. Prendi la pentola e riempila di acqua fino a metà, ed immergici poi a bagnomaria i pentolini, in cui avrai messo la cera a sciogliere. Trattandosi di una candela tricolore, i pentolini saranno naturalmente tre.

Accendi il fuoco sotto la pentola, e fai in modo che l'acqua arrivi quasi a bollire (ma non proprio ad ebollizione), in modo che non vi siano gocce di acqua che si immettano nei pentolini contenente la cera, che piano piano si scioglierà. Nel frattempo puoi versare all'interno di ogni pentolino i pezzetti di pastello.. a seconda dei colori che intendi realizzare. Più pastello inserisci, più scura sarà la candela, ma considera sempre che la cera liquida è sempre più chiara di quella solida.

Mentre il tutto si scioglie, prepara le forme, che come detto puoi acquistare, o semplicemente utilizzare varie forme che hai in casa. In questo caso utilizza la confezione che contiene il latte da mezzo litro. In questo modo la forma finale della tua candela sarà rettangolare. Effettua un foro alla base, e da questo facci passare lo stoppino,lasciandone 2 cm all'esterno. Non dimenticare, poi di chiudere bene il foro, dall'esterno, utilizzando abbastanza scotch, in modo che la cera non fuoriesca da questo foro. Ungi un pò di carta con dell'olio da cucina, e passala sulla parte intera della forma. In questo modo la candela si staccherà meglio, ed avrà un aspetto più lucente.

Prendi i pentolini e preparati a versare la cera. Per far questo, tieni ben saldo lo stoppino (perfettamente perpendicolare alla base) ed effettua l'operazione. Per alternare i colori, non versare tutto d'un tratto un solo colore, ma alternali fino alla fine. In questo modo essi si mischieranno in modo originale, e da asciutta la tua candela sarà davvero particolare. Dal momento che mentre si asciuga la candela tende a diminuire di volume, potresti avere in corrispondenza dello stoppino, un antipatico avvallamento.. Coprilo di volta in volta con altra cera liquida.

Attendi a questo punto che la candela si asciughi del tutto. Ci vorranno certamente un paio d'ore. In ogni caso, non provare a sfilare la candela dalla forma per forza, rischi di rovinarne la superficie, mentre da asciutta, complice la superficie che hai oleato in precedenza, uscirà in modo perfetto. Dal momento che l'avvallamento in cui hai effettuato i rattoppi sarà bene o male sempre visibile, utilizza come parte superiore della candella quella che si trovava alla base, che invece sarà ben piatta e senza avvallamenti di alcun tipo. Taglia lo stoppino ad altezza ragionevole. La candela adesso è pronta.

Personalizza la tua camera appendendo sulla maniglia esterna della porta un cartellino ornato con fiori e nastri. In questa guida troverai tutte le indicazioni per poter procedere alla realizzazione, che ti porterà via circa 45 minuti.

Occorrente
Taglierino
Righello
Nastro biadesivo
Colla vinilica
Pennello
Forbici
Compasso
Matita
Perforatore a fiore (due diverse misure)
Etichettatrice e nastro giallo
Tampone di pigmento rosa
Cartellino da porta in legno
Fotografia di 4,5 x 5 cm
Carta scrap beige a fiori
Carta scrap a righe e a motivi geometrici
Ritagli di carta celeste e rosa a tinta unita
1 bottone celeste
Ritagli di nastri
10 cm di nastro di passamaneria celeste largo 5 mm
10 cm di nastro di tessuto marrone a pois largo circa 1 cm
Piccoli fermacampioni

Incolla con la colla vinilica la carta scrap beige sul cartellino di legno e rifila i contorni e il foro con il taglierino. Taglia due strisce di carta scrap a righe di 0,8 cm di larghezza, una striscia celeste e una striscia rosa di 1 cm di larghezza. Incolla in senso orizzontale, sotto il foro per la maniglia, due strisce (una a righe e l'altra a tinta unita), il nastro marrone a pois e le altre strisce di cui taglierai l'eccedenza con le forbici.

Colore lo spessore del cartellino con il tampone di pigmento rosa. Traccia con il compasso un semicerchio di 6 cm di diametro sulla carta a motivi geometrici, ritaglialo con le forbici e incollalo nella parte bassa del cartellino (il semicerchio deve poggiare sul lato destro del cartellino). Incollaci sopra, in senso orizzontale, il nastro di passamaneria celeste, tagliando l'eccedenza.

Ritaglia un quadrato di carta celeste di 5,5 cm di lato, fissaci sopra la fotografia con il biadesivo e incolla obliquamente sotto il foro del cartellino. Nelle carte a tinta unita ricava con gli appositi perforatori un fiore grande e cinque piccoli. Con il biadesivo, attacca il fiore grande sul semicerchio e un bottone al centro del fiore.

Annoda i pezzi di nastri intorno al foro del cartellino. A questo punto fora il centro dei fiori medi con la punta del compasso e inserisci il fermacampione. Poi fissa i fiori sul cartellino con il biadesivo. Infine stampa i testi con l'etichettatrice e incollali sul cartellino sotto la foto. Il lavoro è terminato.

n queste ultime settimane ho avuto modo di provare la macchina sotto vuoto Macom V2240.
Conoscendo bene il modello V2860, ho deciso subito di fare un confronto.

Ma prima di cominciare la vera e propria recensione vediamo insieme perché è utile praticare il sottovuoto sui nostri alimenti.

Generalmente parlando, i microrganismi presenti nell'aria riescono facilmente a crescere e svilupparsi sui nostri cibi non adeguatamente protetti.
Ecco perché il cibo esposto all'aria tende a deteriorarsi molto rapidamente.

Praticando il sottovuoto, invece, ridurremo notevolmente la quantità di ossigeno all’interno della confezione e quindi eviteremo contaminazioni e rallenteremo il deterioramento del cibo.

Confezionando i nostri alimenti con la macchina sottovuoto potremo gustare il sapore originale e naturale del nostro cibo anche a distanza di diversi mesi dalla conservazione. Per maggiori dettagli sul funzionamento è possibile anche vedere questa guida sulla macchina sottovuoto.

 

Vi confesso che quando trovo delle ottime offerte alimentari al supermercato faccio subito una grande scorta dei prodotti più convenienti!
Arrivata a casa accendo la macchina sottovuoto e in pochi minuti riesco a confezionare grosse quantità di cibo.

Caratteristiche e prestazioni della confezionatrice

Adesso possiamo vediamo le caratteristiche tecniche di Macom V2240

2 diverse sigillature (sacchetti e barattoli)
barra sigillante lunga 30 centimetri
Crush Free Control (per evitare di schiacciare gli alimenti)
sistema Easy Lock per aprire e chiudere la macchina con semplicità
vaschetta antibatterica
grande potenza (160 Watt)
solida e ben assemblata
Aperta la confezione si capisce subito che stiamo maneggiando un prodotto di ottima qualità.
I materiali sono robusti, le rifiniture sono ben curate e il design è, a mio parere, davvero eccellente.

La macchina sottovuoto pesa circa 1,8 kg quindi è facile da spostare e trasportare.

L'aspirazione è molto potente e veloce. In poco tempo potremo confezionare grandi quantità di cibo.

Il pannello di controllo è chiaro e semplice da utilizzare.
Io sono sempre stata incapace di usare la tecnologia, ma l'utilizzo è facile e intuitivo, e dopo pochi minuti dalla prima accensione della macchina stavo già confezionando il cibo con rapidità e precisione!
Mi sono quasi meravigliata di me stessa

Tra i vari comandi sul pannello di controllo troviamo anche il Crush Control, cioè un bottone che ci evita di schiacciare gli alimenti più delicati e friabili.

Sul lato della confezionatrice cè una comoda levetta chiamata Easy Lock che ci permetterà di aprire e chiudere la macchina con un semplice movimento della mano.

La pulizia del prodotto è davvero semplice, basta estrarre la vaschetta antibatterica, ripulirla, ed il gioco è fatto.

La macchina sottovuoto viene spedita insieme a:

5 sacchetti 20 x 29 cm
5 sacchetti 28 x 36 cm
1 rotolo da 28 cm x 3 metri
1 tubicino con attacco per barattoli e contenitori
1 barattolo da 1,4 Litri
Essendo tutti accessori originali, li ho trovati di ottima qualità.

Confronto con Macom V2860

Mettendo a confronto i due modelli scopriamo che hanno molte qualità in comune:

sono due prodotti ben progettati e assemblati
la potenza di aspirazione è praticamente identica, come viene anche dichiarato sul libretto distruzioni
entrambe hanno la levetta Easy Lock
entrambe hanno il Crush Control
entrambe vengono spedite con lo stesso set di accessori
stessa lunghezza della barra sigillante
In sostanza la differenza principale è che Macom V2860 possiede in aggiunta queste caratteristiche:

materiali differenti e ancora più solidi
3 diverse velocità di aspirazione
VAC Pulse (aspirazione tramite impulsi, ottima per i cibi friabili)
design e rifiniture differenti
posizione salvaspazio (possibilità di riporla in posizione verticale)
Io uso costantemente V2860, è il top della gamma e non posso più farne a meno.
La differenza di prezzo in fondo è minima considerando le qualità aggiunte della sorellona.

Magari se avete una cucina dallo stile classico potreste optare per V2240 che è di colore bianco.
Se invece avete una cucina più moderna e volete il massimo delle funzioni dalla vostra macchina sottovuoto, vi consiglio la più avanzata macchina sottovuoto V2860.

In ogni caso, qualsiasi sia la vostra scelta, il rapporto tra ualità e prezzo di entrambi i prodotti è davvero eccellente.

Questa è una guida utile se dimentichi sempre di comprare la carta da regalo e all'ultimo momento non sai cosa fare. Ciò che ti occorre è solo fantasia e manualità e potrai sbizzarrirti creando carte da regalo personalizzate per ogni occasione, per amici e parenti.

Scegli delle patate non molto grandi e senza imperfezioni. Lavale ed asciugale quindi dividile perfettamente a metà: saranno due timbrini che utilizzerai per decorare la tua carta da regalo. Scegli che soggetto vuoi stampare (fiore, sole, cuore, stella, etc) e incidilo su una metà della patata sul lato non coperto dalla buccia.

Passa quindi ad eliminare la parte circostante alla tua incisione: in pratica il soggetto che andrai a stampare dovrà essere in rilievo sulla mezza patata. Procedi eliminando via via strati di patata fino a quando il tuo timbro sarà alto circa 3-4 cm. Crea diversi timbri in modo tale da poter stampare diversi motivi sullo stesso foglio.

Stendi il foglio di carata da imballaggio su una superficie piana. In un piattino mescola la tempera con un pò d'acqua e crea le gradazioni desiderate di colore. Intingi i tuoi timbri nella tempera e decora a stampo il tuo foglio di carta da imballaggio. Per ottenere degli effetti particolari aiutati con un pennello dando ulteriori tocchi di colore o spolvera le immagini ancora fresche con della porporina dorata o argentata.