Uno dei frutti estivi per eccellenza è proprio il melone, fresco, ricco di liquidi ma soprattutto buono, allieta le giornate di calura. Può essere però anche un alleato della nostra bellezza, come tutta la frutta in genere, fa bene a tavola, ma anche sulla pelle. In questo caso, alla pelle del viso, insieme al latte.

Occorrente
Una fetta di melone
Latte in polvere
Lievito di birra
Germe di grano

Come prima cosa, procurati una terrina in cui mescolare tutti gli ingredienti. Spezzetta il melone e mettilo nella terrina, ha un effetto rinfrescante sulla pelle. Schiaccia bene i pezzi con una forchetta. Cerca di utilizzare, se possibile, un melone abbastanza maturo e morbido, in modo che sarà più semplice schiacciare la polpa.

Schiacciando, uscirà fuori tutto il succo del melone, infatti non si dovrà aggiungere acqua al composto, basterà il succo a renderlo più liquido. Dopo aver schiacciato bene il frutto, aggiungi il lievito di birra che ha un effetto purificante e astringente sulla pelle. Ne basteranno una decina di grammi (circa la metà di un dado); scioglilo bene nel succo del melone e mescola.

A questo punto, puoi aggiungere tre misurini di latte in polvere, contiene sostanze ottime per la pelle; in più idrata e ha un effetto rivitalizzante. Aggiungi poi due cucchiai di germe di grano che ha un effetto antirughe. Mescola bene il tutto, poi stendila sul viso con l'aiuto di un pennellino. Lascia agire quindici minuti, poi rimuovi.

Ingredienti per 4 persone per preparare un ottimo arrosto di tacchino
1 kg. di fesa di tacchino
1 arance grosse
1 cucchiaio di farina bianca
1 spicchio di aglio
1 rametto di rosmarino
1 cucchiaio di olio di oliva extra vergine
1 dado di carne di pollo
1 noce di burro
Sale e pepe

Preparazione arrosto di tacchino:

Mettere a rosolare in una casseruola con olio e burro la fesa di tacchino, salare e pepare. Lasciare cuocere a fuoco moderato.

Dopo una decina di minuti aggiungere lo spicchio di aglio schiacciato e il livello di rosmarino e proseguire la cottura. Dopo circa 30 minuti unire il dado di carne di pollo sbriciolandolo sulla fesa di tacchino. Nel frattempo spremete un’arancia e lavorate il succo con il cucchiaio di farina fino ad ottenere un composto fluido e senza grumi che dovrete versare sulla fesa di tacchino.

Lasciare cuocere per ancora 40 minuti, verificando che sia ben cotta prima di toglierla dal fuoco. Lasciar raffreddare e poi tagliare la fesa di tacchino a fette.

Disporre le fette di tacchino su un piatto da portata versate sopra le fette il sugo di cottura e poi guarnite il piatto con l’altra arancia tagliata a fette.

Il piatto è da servire caldo.

Se hai la pelle mista è più difficile trovare un prodotto adatto all'equilibrio dell'epidermide, infatti può capitare di usare o creme troppo aggressive oppure troppo poco efficienti. Per pulire ed idratare la pelle puoi fare una maschera in casa con prodotti naturali.

Prendi un pentolino e versaci dell'acqua, poi mettilo sul fuoco e porta l'acqua ad ebollizione. Nel frattempo prendi un cetriolo taglialo a fette e prendine due, quando l'acqua bolle, getta le due fette dentro e lasciale per qualche secondo. Prelevale e riducile in poltiglia aiutandoti con un pestello.

Usa un piatto pulito e asciutto e mettici la poltiglia di cetriolo, poi aggiungi un cucchiaio di yogurt bianco magro e un cucchiaino di miele, fai amalgamare per bene gli ingredienti fra loro aiutandoti con un cucchiaio. Ora puoi applicare la maschera sul viso, prima inumidisci la pelle con una spugnetta bagnata di acqua tiepida per allargare i pori e far penetrare le sostanze nutritive.

Poi spalmati il prodotto sul viso massaggiandolo per bene, abbonda con le dosi e ricorda che il massaggio è molto importante perchè permette di fare agire al meglio la maschera. Lascia in posa per 15 minuti e infine sciaqua via la maschera con acqua abbondante per eliminare tutti i residui. Siccome nella maschera c'è il miele e lo yogurt che sono idratanti, non è necessario passare la crema idratante alla fine.

Le alici marinate posso essere utilizzate sia come antipasto sia come un secondo di pesce, questo delizioso piatto è tipico di qualsiasi zona di mare.

Le alici marinate sono molto semplici da realizzare nonostante i tempi di lavorazione non siano brevissimi, un altro aspetto positivo di questo piatto oltre ad avere un basso costo per l'acquisto degli ingredienti è la lunga conservazione di fatti in frigorifero si mantiene anche per un paio di giorni.

Di seguito troverete tutti gli ingredienti necessari per realizzare le alici marinate

-500 grammi di alici

-Succo di 2 limoni

-1 spicchio di aglio

-1 mazzetto di prezzemolo

-4 cucchiai di olio extra vergine di oliva

-Pepe quanto basta

-Sale quanto basta

-2 cucchiai di aceto di vino bianco

Ora andiamo a vedere passo passo come fare a cucinare le alici marinate, piatto fresco ideale per antipasti

-Ora dovrete preparare la marinatura per le alici

-Inserite in un frullatore elettrico il mazzetto di prezzemolo e sminuzzatelo

-Successivamente tritate lo spicchio d'aglio

-In una ciotola di vetro versate l'olio extra vergine d'oliva, l'aglio tritato, 2 cucchiai di aceto di vino bianco e il succo di 2 limoni

-Mescolate il tutto con un cucchiaio di acciaio fino ad amalgamare il tutto

-Ora aggiungete un pizzico di sale e di pepe

-A questo punto dopo che avrete inserito tutto gli ingredienti aggiungete il prezzemolo tritato in precedenza

-Pulite accuratamente le alici con abbondante acqua corrente

-Tagliatele la testa

-Estraete le interiora e buttatele

-Togliete ora la lisca

-Una volta tolta con il dito allargate l'alice facendo attenzione a non dividere la parte destra da quella sinistra

-Squamate delicatamente le alici con un coltello

-In una pirofila di vetro mette una base di marinatura e successivamente fate uno strato con le alici

-Continuate mettendo uno strato di marinatura e uno di alici fino ad utilizzarle tutte

-Lasciate marinare per circa 5 ore e saranno pronte

Non resta che gustarvi le vostre alici marinate

Sicuramente il titolo di questo articolo non lascia dubbi sul suo contenuto.

Visto che mi sono trasferito in una nuova casa, ho dovuto effettuare il cambio di residenza. Pensavo fosse una cosa lunga e faticosa, in cui avrei dovuto girare mille uffici in balia di crudeli burocrati, invece tutto sommato è andata bene ed è stato abbastanza semplice. Così ho deciso di scrivere questa breve guida che magari potrà essere di aiuto a chi si appresta a fare un simile passo.

Che documenti servono?
Sono sufficienti un documento di identità e la patente. Inoltre se siete proprietari di uno o più autoveicoli, è bene portarvi anche i libretti di circolazione (ma potrebbe essere sufficiente ricordarsi il numero di targa). In alcuni comuni potrebbe essere necessario precompilare dei moduli presenti, come quello per la domanda di cambio residenza, che è possibile trovare sul sito Autocertificazioni.net in questa pagina, e di pagamento della TARSU relativa all'immobile in cui andrete ad abitare, ma di norma questi moduli potrete compilarli direttamente nell'ufficio.

Muniti di questi documenti, vi basterà andare all'anagrafe del comune di cui volete prendere la residenza, fornire il vostro nuovo indirizzo, mettere un paio di firme e in teoria avete finito. Infatti, nel caso di cambio comune, sarà il vostro nuovo comune ad avvertire quello vecchio di cancellarvi. Dopo un mese circa riceverete la visita di controllo dei vigili e alla fine vi arriverà per posta il certificato di avvenuto passaggio di residenza. In seguito, sempre via posta, vi saranno inviati i 2 adesivi da attaccare sulla scheda elettorale per aggiornare residenza e seggio (sono muniti di istruzioni chiarissime sul dove attaccarli).

Per quanto riguarda l'aggiornamento di patente e libretto, sarà sempre il comune a contattare la motorizzazione per aggiornare i dati. Vi sarà immediatamente consegnato un foglio temporaneo (che rimane valido fin quando non ricevete gli adesivi) che indica che la pratica è in corso, potrete informarvi sullo stato di avanzamento chiamando il numero verde 800-232323. A pratica conclusa riceverete gli adesivi di aggiornamento di patente e libretto di circolazione. Quello della patente va inserito nell'apposito spazio indicato sulle patenti vecchio stile, o sul retro per quelle in formato tessera. L'adesivo del libretto invece va inserito in un qualsiasi spazio libero, a patto che non copra altri dati; mi raccomando non dimenticatevi di aggiornare anche il libretto, altrimenti si incorre in una multa altissima e nel sequestro dell''auto fino a quando non si aggiornano i dati.

Non è necessario aggiornare carta di identità e Certificato di proprietà dell'auto, che continueranno a riportare la vecchia residenza ma saranno documenti ugualmente validi.

Ultime raccomandazioni, ricordarsi di aggiornare i dati di bolletta di luce e acqua che di solito offrono agevolazioni per la prima casa.