Ecco qui un'altra idea che avevo realizzato quando lavoravo come insegnante alla scuola primaria. Si tratta di una scatola musicale, tipo maracas. Ne avevamo realizzate di gigantesche con i "fustoni" del detersivo di una volta. Poi la versione piccola, che è quella che vi propongo, si realizza utilizzando lattine di bibite o scatole di cartone tipo quelle delle tisane per bambini.

Procurati le lattine vuote o le scatole di tisane per bambini. Ora prendiamo la carta crespa o velina e abbelliamo questa scatole o lattine. Possiamo ricoprirle interamente. Sarà sufficiente cospare di colla vinilica la scatola o la lattina (per quest'ultima è decisamente meglio l'uso della colla a caldo e di carta più spessa!) e poi ricoprirla con la carta crespa o velina. Occorre lasciar asciugare bene perchè se no la carta si spezza.

Quando sarà ben asciutta si può procedere con l'abbellimento. Prendi i pennarelli e disegna qualcosa, oppure aggiungi dei brillanti. Con la colla vinilica puoi disegnare un fiore o una scritta. Cospargi di brillantini. La colla asciugandosi diventerà trasparente e rimarrà solo il disegno o la scritta brillantinata. Scuoti la scatola o lattina per togliere i brillantini in eccesso.

A questo punto devi riempire la scatola musicale. Metti il riso, la pastina fine o i sassolini. Chiudi il buco con del nastro adesivo e se non vuoi che si veda, copri con della carta colorata. La scatola musicale è pronta.

In questa guida troverai le indicazioni per rendere più sicura la tua cucina per i tuoi bambini, ti indicherò alcune cose da dire a tuo figlio e alcune precauzioni che dovrai prendere tu in prima persona per evitare spiacevoli inconvenienti. Mi raccomando stai molto attento.

La prima cosa che devi fare è prendere delle misure di sicurezza, spiega al tuo bambino però senza spaventarlo i pericoli che ci sono lavorando in cucina, come se spiegassi i pericoli che ci sono quando si attraversa una strada e dai tu stesso il buon esempio. Quando i bambini sono in cucina sorvegliali e non fargli usare un utensile o un elettrodomestico fino a quando non sa usarlo senza pericolo.

La seconda cosa da fare è proteggere le dita. frullatori e tritatutto dovrebbero essere usati solo sotto la sorveglianza di un adulto, e accertati che sia spento quando tuo figlio ci mette una posata dentro. Può sembrare un controsenso ma mantieni i coltelli affilati perchè se non lo sono si fa più forza per tagliare e tuo foglio potrebbe farlo scivolare e farsi male.

La terza cosa da fare è stare attenti alle bruciature. Tieni fornelli e forno spenti quando non li usi e tienici lontano asciugamani, libri, presine. Posiziona i manici del tegame verso l'interno dei fornelli così da non poterli urtare quando passi. Se tuo figlio ti aiuta vicino ai fonelli accertati che si trovi su una base stabile e robusta

La quarta e ultima cosa da fare è delimitare le zone in cui il bambino non deve stare se è molto piccolo. In questo caso può essere utile l'utilizzo di strumenti come questi recinti per bambini che permettono di evitare che il bambino raggiunga determinati punti della cucina.

Solo materiali naturali per la sfera da appendere dal sapore etnico. Lo spago intrecciato nasconde al suo interno un cuore di pot pourri profumato dalle note calde e penetranti, caratteristiche del patchouli. Adatta alla profumazione di tutti gli ambienti, la sfera, lasciata dondolare appesa a un filo di lana grezza, rilascia tutta la sua intensa fragranza.

In una bacinella di vetro preparate una soluzione composta da due parti di colla e una di acqua e mescolatela bene in modo da ottenere un composto liquido senza grumi, quindi immergetevi lo spago, facendogli assorbire abbondantemente la colla.
Gonfiate il palloncino fino a raggiungere un diametro di 10 cm, quindi chiudetelo.

Intrecciate lo spago imbevuto di colla ben teso attorno al palloncino fino a ricoprirlo tutto, ma lasciando tra i vari fili alcune fessure per l'inserimento del pot pourri.
Lasciate asciugare per tutta la notte in modo che lo spago si secchi e resti rigido assumendo la forma sferica. Quando lo spago è asciutto, bucate il palloncino con l'ago ed estraetelo delicatamente dalla sfera.

Allargando leggermente le fessure con le dita, inserite il pot pourri in modo da riempire 3/4 della sfera. Doppiate il filo di lana e arrotolatelo su se stesso per ottenere una treccia a due fili, quindi annodatelo alla sfera.
Può succedere che durante la realizzazione dell'intreccio intorno al palloncino lo spago si asciughi; in questo caso immergetelo ancora nella soluzione di colla e acqua. Completato il rivestimento, spennellate la sfera con la soluzione collosa.

Se hai la passione per la coltivazione e vorresti avere prodotti freschi tutto l'anno, il metodo migliore è quello di utilizzare una serra che mantiene una temperatura e un grado di umidità costante durante tutto l'anno. Non è necessario spendere cifre esorbitanti puoi provare tu stesso trovando il materiale necessario nei negozi specializzati o in quelli di bricolage grandi.

Per prima cosa devi mettere a terra degli archetti di plastica lungo tutto il filare della coltivazione lasciando tra un arco e l'altro una distanza di circa quaranta centimetri. Scegli un'altezza adeguata in base al normale sviluppo della pianta da proteggere. Muoviti su filari dritti ripetendo lo stesso procedimento su altri filari.

Con l'aiuto di una pala procedi a scavare un pò di terra lungo tutte e due i bordi che costeggiano gli archi per fare in modo che il telo venga fissato meglio successivamente. Stendi a questo punto il telo di nylon trasparente facendo attenzione che sia abbastanza tirato da non soffocare le piante e appoggiando la parte in eccesso nella parte di terra che avevi scavato e che andrai a ricoprire con la terra tolta per fissarlo bene.

Sull'apertura anteriore e posteriore della serra applica delle fascette di plastica che andrai a fissare agli archetti per rendere ancora più stabile la tua struttura. Naturalmente non dovrai chiudere queste due aperture per garantire l'indispensabile ricircolo d'aria. Controlla abitualmente la tua serra al fine di riparare eventuali strappi nel telo.

Hai in mente di prenderti cura di un cavallo? Ne stai acquistando uno, o ne hai uno in maneggio e desideri portarlo a vivere nella tua proprietà? Prima di far questo, è bene che tu ti dedichi alla preparazione del luogo che lo dovrà accogliere, in modo che il tutto sia già pronto nel momento in cui arriverà il cavallo. Vediamo come procedere..

Se hai intenzione di iniziare la costruzione di una stalla per il tuo cavallo, ricorda che essa deve essere orientata da est ad ovest, e che la finestra deve essere orientata ad est. Non dimenticare che il cavallo è un animale ingombrante, che ha bisogno di moltissime cure, e molto spazio, in quanto un cavallo "allo stretto" è un cavallo triste.

Il box è la parte dove il cavallo dormirà, mangerà, riposerà.. Attorno ad esso deve esserci uno spazio dedicato alle cure, appunto la stalla. Sistema il tutto nel modo che preferisci, ma garantisciti uno spazio al riparo dalla pioggia qualora tu debba uscire il cavallo dal suo box per la pulizia e fuori piova a dirotto. Non puoi mica lasciarlo sotto l'acqua battente! Prevedi in questa superficie chiusa un armadio in cui tenere la sella, le briglie e via dicendo, uno in cui tenere i ferri da lavoro (la forca, la pala, il rastrello), ed uno per gli oggetti per la cura del cavallo.

Il suolo della stalla deve essere in cemento, e leggermente inclinato verso l'esterno, ricordando di striare lo stesso in modo da evitare che il cavallo scivoli. La porta dovrà essere alta 2 metri e larga almeno 1,50m. La finestra dovrà essere alta abbastanza da far sì che i colpi d'aria eventuali circolino al di sopra della testa del cavallo, e quindi ad un'altezza approssimativa che ti consiglio attorno al metro ed ottanta. Sul muro esteriore, vicino alla porta, colloca saldamente un grosso anello, in modo da potervi legare il cavallo in caso di necessità.

L'interno della stalla necessita di lampadine per l'illuminazione. L'una deve stare all'interno del box, una sopra l'entrata principale, e l'altra nei pressi degli armadi contenenti tutti gli oggetti indispensabili per gestire un cavallo. Per un singolo cavallo, il box dovrà misurare 4 metri in lunghezza, 4 metri in profondità e 2,80 metri in altezza, proprio in base al fatto che il cavallo deve avere lo spazio necessario per poter vivere il suo box in modo confortevole.

Le pareti del box dovranno essere in cemento, ed è bene, comunque, che tu ricopra le stesse con il legno fino ad un'altezza di circa un metro e mezzo. La ciotola in cui il cavallo dovrà mangiare, è bene che tu la posizioni ad un'altezza tale che permetta all'animale di mangiare senza sforzi. Accanto a questa, posiziona la ciotola dell'acqua, che deve essere sempre fresca e pulita.

All'interno della stalla dovrai tenere un "cofano in legno" in cui tenere l'avena.. Ricorda di tenere ben chiuso questo cofano, e lontano dalla portata del cavallo. Il "letto" del cavallo deve essere in paglia. E' sufficiente che tu ne metta un buon quantitativo nel box. Il cavallo ne mangerà un pò, e poi con le zampe la distenderà a formarsi un comodo giaciglio. Quotidianamente devi rinnovare il letto di paglia sporca, che si trova sotto a quella pulita. Ciò vuol dire che dovrai rigirare la paglia con la forca.